Simonetta Betti

logo_payoff2_trasp_red

Timidi Introversi o Ansiosi Social?

I timidi sono socievoli anche se talora, quando provano un po’ di timore, tendono a chiudersi nel contatto con gli altri. Appena entrano in sintonia il timore scompare e sanno socializzare in tranquillità.

Gli introversi sono persone socialmente solitarie, capaci di andare verso gli altri, ma hanno anche bisogno di starsene da soli. Di solito amano passare l’80% del loro tempo da soli e il 20% con gli altri, senza provare un’ansia particolare quando sono con loro.

Chi soffre di ansia sociale ha paura di “non sentirsi all’altezza”, e teme lo sguardo ed il giudizio altrui. La vergogna blocca la spontaneità nella relazione impedendo di mostrare competenze e capacità. Spesso, dopo essersi confrontati con qualcuno, tendono a rimuginare e ad “auto-colpevolizzarsi”.  Questo stile di comportamento e questo stato della mente sono causa di un deficit di autostima che alimenta l’ansia sociale.


Essere timidi non è un difetto, se però la tua timidezza ti disturba possono esserti utili sia l’Ipnosi che la Programmazione Neurolinguistica. Rafforzano l’autostima e consentono di superare quelle sensazioni di disagio che talora provi nello stare con gli altri e quella specie di inibizione che ti blocca nell’esprimere la tua opinione.


Se sei introversa/o chiedere aiuto ti è difficile. Quando ti rivolgi ad uno psicoterapeuta è spesso perché te lo ha suggerito qualcuno. Al primo incontro la tua mente farà un dettagliato esame di questa persona, delle parole che usa , del comportamento,  dell’arredamento dello  studio…e poi deciderai con molta calma cosa fare.


Se soffri di ansia sociale la migliore psicoterapia è quella che viene fatta in gruppo. Puoi confrontarti con aspetti di te assieme ad altre persone attraverso pratiche di mindfulness, oppure lavorando su un tema prestabilito come possono essere l’ascolto attivo e la comunicazione. 

O anche iscriverti ad attività di gruppo, ad esempio il trekking o, se non ti piace camminare, perché non provare un gruppo di cucina?

L’importante, per voi ansiosi/sociali è non sentirvi valutati e giudicati perché se venite toccati su qualche “nervo scoperto” vi chiudete a riccio